Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1984 numero 2768 (07/05/1984)


Il requisito dell' apparenza, che condiziona l' usucapibilità di una servitù, non consiste soltanto nell' esistenza di segni visibili e di opere permanenti, ma richiede altresì che queste, come mezzo necessario all' esercizio della servitù medesima, siano, in pari tempo, un indice non equivoco del peso imposto al fondo servente, in guisa da fondare la presunzione che il proprietario di questo ne sia a conoscenza. (Nella specie, in tema di usucapione di servitù di passaggio con veicoli su un cortile altrui, la S.C. ha ravvisato la violazione dell' indicato principio da parte del giudice del merito, che aveva ritenuto esistente detto requisito sulla fase della mera circostanza che il cortile, inserito fra due fabbricati, presentava una pavimentazione con selciato).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1984 numero 2768 (07/05/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto