Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1983 numero 699 (25/01/1983)


Le vedute aperte a titolo di servitù creano diritti reali veri e propri, mentre quelle aperte a titolo di proprietà in base alle norme di vicinato sono espressione delle limitazioni legali di tale diritto, imponendo soltanto di riflesso dei doveri al proprietario confinante, che non sono da confondersi con le obbligazioni reali, pur avendo in comune con queste alcune caratteristiche. Pertanto, mentre nei rapporti di vicinato non si può usufruire - agendo in possessorio - di una tutela maggiore di quella che al proprietario compete in sede di giudizio petitorio, in quanto le relative facoltà possessorie possono trovare tutela soltanto se rientranti nei poteri attribuiti al proprietario, per contro ove si deduca che la veduta è stata esercitata iure servitutis, la tutela possessoria resta correlata al contenuto del possesso della servitù esercitato, indipendentemente dall'esistenza di un suo titolo costitutivo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1983 numero 699 (25/01/1983)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto