Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1983 numero 5237 (29/07/1983)


Il recesso del committente dal contratto di appalto, secondo la previsione dell'art. 1671 cod. civ., può essere esercitato in qualunque momento posteriore alla conclusione del contratto e può essere giustificato anche dalla sfiducia verso l'appaltatore per fatti di inadempimento. In tale ipotesi, pertanto, il contratto si scioglie per l'iniziativa unilaterale del committente, e resta superflua ogni indagine sulla importanza e gravità dello inadempimento, rilevante solo nel diverso caso in cui il committente medesimo avesse seguito la diversa strada (preclusa dall'intervenuto recesso) della domanda di risoluzione del contratto per inadempimento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1983 numero 5237 (29/07/1983)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto