Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1983 numero 3941 (08/06/1983)


L'imposta sul valore aggiunto che il difensore è tenuto a pagare in relazione agli onorari a lui dovuti viene in concreto a ricadere sul suo committente e, quindi, ad essere compresa tra le spese sopportate per il giudizio da quest'ultimo, sicché, ai sensi dell'art. 91 cod. proc. civ., qualora il medesimo risulti vittorioso - e non sia autorizzato a portare in detrazione detta imposta - la controparte deve rimborsare tale spesa, che non può mai essere ritenuta superflua a norma dell'art. 92 successivo, trattandosi di carico conseguente ad un'obbligazione tributaria imposta dalla legge al professionista.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1983 numero 3941 (08/06/1983)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto