Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1982 numero 3181 (25/05/1982)


Il coerede che alieni la sua quota di eredità rimane sempre coerede, è come tale, responsabile per i debiti ereditari, in solido con il compratore quando la responsabilita di quest'ultimo non sia esclusa da patto contrario a norma dell'art.1546 cod. civ.. L'erede che abbia venduto la quota di beni ereditari pervenutagli non è obbligato a chiamare in giudizio il compratore per essere manlevato dal pagamento del debito ereditario, essendo l'esercizio di tale garanzia rimesso alla volontà della parte e potendo anche la garanzia stessa essere esclusa da accordi interni non apparenti nell'atto (pubblico) di trasferimento della quota.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1982 numero 3181 (25/05/1982)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto