Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1981 numero 5537 (22/10/1981)


In tema di compravendita, i difetti della cosa consegnata inerenti al processo di produzione della medesima integrano la mancanza di qualità prevista dall'art. 1497 cod. civ., con conseguente soggezione dell'azione di risoluzione per inadempimento ai termini di decadenza e prescrizione di cui al precedente art. 1495, e non l'ipotesi della consegna di aliud pro alio, la quale si configura quando la res tradita si riconduca ad un genere del tutto diverso o presenti difetti che le impediscano di assolvere alla sua funzione naturale, od a quella assunta come essenziale dalle parti, facendola degradare in una sottospecie completamente diversa da quella dedotta in contratto. (Nella specie, in cui si trattava della vendita di ceste portabiancheria per le quali il compratore deduceva l'insufficiente tenuta dei bottoni e la lacerabilità della sacca, il S.C., enunciando il surriportato principio, ha confermato la decisione del giudice del merito che aveva escluso la ricorrenza dell'ipotesi di consegna di aliud pro alio, ritenendo i vizi lamentati idonei a legittimare l'azione di garanzia disciplinata dagli artt. 1490 e seguenti cod. civ.).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1981 numero 5537 (22/10/1981)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto