Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1980 numero 1285 (22/02/1980)


Si ha fedecommesso de residuo e non legato di usufrutto nella disposizione con cui il testatore, pur indicando come usufruttuario il beneficiario, attribuisce a costui la facoltà di vendere i beni facenti parte dell'asse, con la precisazione che alla sua morte la proprietà dei cespiti rimasti nel patrimonio del chiamato si devolvera a terzi: tale principio opera anche se la facoltà di alienare, anziché essere concessa senza limitazioni, sia prevista per l'ipotesi in cui il beneficiario venga a trovarsi in stato di bisogno, sempreché sia lasciato alla valutazione del chiamato lo apprezzamento dello stato di bisogno.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1980 numero 1285 (22/02/1980)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto