Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1979 numero 1628 (21/03/1979)


Riguardo ai beni ancora soggetti al regime tavolare, nelle provincie già austro-ungariche, l' efficacia costitutiva della iscrizione od intavolazione è limitata agli atti fra vivi, e non estensibile ai trasferimenti per successione ereditaria, od agli acquisti a titolo originario, come l' usucapione. In tale ultima ipotesi, la mancata iscrizione del diritto usucapito, in forza di sentenza che accerti l' usucapione medesima, rileva, a norma dello art. 5 del R.D. 28 marzo 1929 n. 499 (legge generale sui libri fondiari), solo nel senso di renderlo inopponibile ai terzi che abbiano acquistato in buona fede diritti sulla base dei libri fondiari, e non osta, pertanto, alla piena opponibilità dell' usucapione stessa nei confronti di chi sapeva, od era in grado di sapere di acquistare a non domino, per il pregresso compimento di usucapione in favore di altri.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1979 numero 1628 (21/03/1979)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto