Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 4806 (24/10/1978)


Nel condominio edilizio, le parti comuni dell' edificio possono essere divise purché la divisione possa farsi senza rendere più incomodo a ciascun condomino l' uso della proprietà singola servita dalla dividenda parte comune, in quanto ne sia resa meno facile la diretta fruizione ovvero venga ridotta l' utilità ricavabile dal bene condominiale in funzione della proprietà individuale. (Nella specie, la corte ha confermato la sentenza del merito, con cui era stato dichiarato indivisibile un cortile, destinato, dopo la divisione, a fabbricarvi autorimesse, in considerazione delle limitazioni di luce e delle immissioni moleste che ne sarebbero derivate agli appartamenti dei piani inferiori nonché della impossibilità di destinare il cortile stesso a giardino).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 4806 (24/10/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto