Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 4047 (07/09/1978)


La vendita di cosa futura, pur non comportando il passaggio della proprietà della cosa al compratore simultaneamente e per effetto della semplice manifestazione del consenso, non costituisce un negozio a formazione successiva di carattere e con effetti meramente preliminari, ma configura una ipotesi di vendita obbligatoria di per se sufficiente a produrre l' effetto traslativo della proprietà nel momento in cui la cosa verra ad esistenza o anche in un momento successivo qualora le parti, nell' esercizio della loro autonomia negoziale, abbiano differito l' effetto medesimo ad un momento posteriore a quello in cui la cosa viene ad esistenza.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 4047 (07/09/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto