Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 2179 (06/05/1978)


L'apposizione, in un contratto di compravendita di cose che debbono essere trasportate da un luogo all'altro, della clausola "franco consegna arrivo" o di altra equivalente (come "franco stazione arrivo" o "franco destino") non vale di per se come deroga alla disciplina contenuta nell'art. 1510 Cod. civ., secondo cui salvo patto contrario, il venditore si libera dall'obbligo della consegna rimettendo la cosa al vettore o allo spedizioniere, restando a carico del compratore le spese del trasporto: perché possa ritenersi l'efficacia derogativa di tale clausola, infatti, è necessaria la prova del concorso di elementi precisi e univoci, atti a dimostrare la volontà delle parti in tal senso.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 2179 (06/05/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto