Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 1423 (23/03/1978)


Nelle cause aventi a oggetto una actio negatoria servitutis o l'osservanza dei limiti legali della proprietà, la pretesa dello attore diretta alla demolizione delle opere costruite dal convenuto in attuazione dell'inesistente servitù o in violazione del limite legale non influiscono sul valore della causa ai fini della competenza; esse, infatti, non sono soggette al cumulo oggettivo, perché costituiscono il contenuto stesso della actio negatoria, la quale è preordinata non solo all'accertamento negativo della pretesa servitù ma anche alla cessazione della situazione antigiuridica posta in essere dal convenuto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 1423 (23/03/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto