Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 1359 (18/03/1978)


Ricorre l'ipotesi di una valida disposizione testamentaria non solo nel caso in cui la disposizione sia stata dettata a vantaggio di soggetti nominativamente indicati, con espressa determinazione delle rispettive quote, ma anche nel caso in cui i beneficiari e la quantificazione delle assegnazioni siano rispettivamente indicati e determinate per relationem, merce semplice richiamo alle norme sulla successione legittima. (Nella specie il testatore, dopo aver disposto dell'usufrutto generale dei suoi beni in favore della moglie, aveva espressamente stabilito, con ovvio riferimento ai diritti dei successibili, che "in nessun caso gli eredi legittimi, o designati con posteriore testamento, avrebbero potuto conseguire alcunche della sua eredità prima della cessazione dell'usufrutto in favore della moglie").

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 1359 (18/03/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto