Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1976 numero 4395 (22/11/1976)


In materia di contratto di compravendita con oggetto illecito, se è vero che l' illiceità deve essere accertata con riferimento al dato oggettivo dell' esistenza di una norma imperativa e di un contrasto con questa, l' illiceità medesima, tuttavia, produce effetti diversi sulla validità del contratto a seconda del rilievo da essa assunto nei riguardi della volontà dei contraenti. Ed, invero, se costoro hanno posto scientemente in essere la pattuizione avente oggetto illecito, il contratto è affetto da nullità, se, invece, l' illiceità è ignorata dalle parti, siffatta ignoranza si riflette sull' intento negoziale quale vizio del consenso ed importa l' annullabilità del contratto per errore.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1976 numero 4395 (22/11/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto