Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1976 numero 3083 (03/09/1976)


I coeredi possono esercitare il riscatto, previsto dall'art. 732 cod. civ., nel caso che oggetto della vendita sia stata una quota ereditaria costituita soltanto dalla nuda proprietà di immobili caduti nella successione, e ciò ancorchè l'acquirente di detta quota abbia anche acquistato, da un legatario, l'usufrutto degli stessi beni. Invero, l'esercizio del riscatto della quota di nuda proprietà ha effetto retroattivo, e non importa, quindi, alcuna reviviscenza dello usufrutto, che deve ritenersi come mai estinto per confusione, cioè per riunione nello stesso acquirente di esso e della nuda proprietà, ex art. 1014 n. 2 cod. civ..

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1976 numero 3083 (03/09/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto