Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1976 numero 251 (26/01/1976)


La disposizione testamentaria, con la quale il beneficiario (nella specie, coniuge del de cuius) venga nominato con formule abbinanti la qualita di usufruttuario e la concreta facolta di vendere i beni ereditari, non è tale da escludere nel chiamato medesimo lo status di erede e, eventualmente, di erede fedecommissario de residuo (figura questa valida sotto il vigore del codice civile del 1865), ove, dalla complessiva interpretazione della scheda testamentaria, in relazione a tutte le clausole dettate, risulti la preminente volonta del testatore di attribuire il predetto status, senza apporre vere e proprie condizioni alla facolta di vendere i beni, incompatibili con i diritti dell'erede, ma solo raccomandazioni di carattere morale, affidate alla valutazione discrezionale del beneficiario medesimo (quale, nella specie, quella di vendere in caso di bisogno).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1976 numero 251 (26/01/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto