Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1971 numero 3255 (15/11/1971)


Costituisce titolo idoneo a trasferire la proprietà a norma dell'art. 1159 cod. civ. l'atto annullabile, il quale è perfettamente operante se e finchè non venga annullato, ma non l'atto affetto da nullità giacchè questo vizio è sempre rilevabile da chiunque vi abbia interesse e investe il titolo della sua antigiuridica esistenza.La vendita di un bene immobile ereditario compiuta da un minore senza l'autorizzazione del tribunale costituisce un atto annullabile; in conseguenza, la mancata impugnazione dell'atto dispositivo da parte di coloro nell'interesse del quale l'autorizzazione è prescritta (creditore dell'eredità, legatari e, eventualmente, l'erede incapace) fa sì che l'atto resti operante e costituisca titolo astrattamente idoneo al trasferimento della proprietà, invocabile dall'acquirente per far valere l'usucapione decennale.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1971 numero 3255 (15/11/1971)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto