Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1971 numero 1368 (12/05/1971)


Anche in tema di testamento sono applicabili le norme sull'interpretazione dei contratti, sia pure con il necessario limite della loro riferibilità anche ad un negozio unilaterale mortis causa (1324 c.c.) e quindi solo in quanto si armonizzano con la natura e la funzione delle dichiarazioni di ultima volontà. Nell'interpretazione del testamento si deve mirare, quindi, a stabilire il senso in cui le espressioni sono state intese dal testatore e il suo reale intendimento non può conseguentemente escludersi per l'uso di un'espressione impropria o apparentemente vaga, alla quale non può attribuirsi che il valore di una irrilenvante contraddizione tra intento e dichiarazione. La dichiarazione contenuta in un testamento è destinata a creare un rapporto successorio e non già a comporre un conflitto di interessi, per cui nè l'onerato nè i terzi sono autorizzati a fondare un affidamento sulla mera dichiarazione, come potrebbe fondarlo il destinatario di una dichiarazione relativa ad un negozio inter vivos.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1971 numero 1368 (12/05/1971)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto