Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1969 numero 1988 (06/06/1969)


Il fondamento dell'istituto della collazione sta nella presunzione che il de cuius,nell'ipotesi in cui abbia fatto in vita donazione ad alcuni dei propri discendenti, o eventualmente a tutti, non abbia con ciò inteso alterare (salva espressa dispensa) il trattamento loro spettante a seguito dell'apertura della successione. E l'obbligo della collazione sorge automaticamente a seguito dell'apertura della successione e diviene operante con l'accettazione dell'eredità, con la conseguenza che i beni donati concorrono alla formazione della massa ereditaria, che deve dividersi fra i coeredi discendenti legittimi. In proposito non ha rilevanza l'assenza di un relictum ereditario da dividere ben potendo una comunione derivare dalla collazione delle donazioni.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1969 numero 1988 (06/06/1969)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto