Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1966 numero 2743 (09/11/1966)


Il disposto dell'art. 53 della legge notarile n. 89 del 1913, secondo cui le postille inserite nel documento dopo la sottoscrizione del notaio devono ritenersi non apposte, va intesa nel senso che esse restano estranee all'atto pubblico, gia` perfetto e concluso con la firma del notaio. ma tali postille possono valere come scrittura privata contenente un atto o negozio autonomo, sempreche` sia sottoscritta dalle parti. la validita` e l'efficacia di questa scrittura deve, pertanto, essere valutata indipendentemente dall'altro atto contenuto nello stesso documento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1966 numero 2743 (09/11/1966)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto