Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1958 numero 3426 (23/10/1958)


Nell'ipotesi di legato che attribuisce a taluno l'usufrutto di determinati beni, conferendogli nel contempo la facoltà di venderli, quest'ultima clausola, qualora, avuto riguardo alla reale volontà del testatore, debba essere intesa nel senso che l'usufruttuario possa vendere liberamente, senza il consenso del nudo proprietario, deve considerarsi inefficace e come non apposta, purchè incompatibile con l'essenza dell'usufrutto, ancorchè all'usufruttuario sia imposto l'obbligo di conservare il prezzo ricavato dalla vendita, limitandosi a percepirne i frutti.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1958 numero 3426 (23/10/1958)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto