Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2015 numero 5105 (13/03/2015)



Il contratto concluso dal rappresentante senza potere non è nullo e neppure annullabile, ma soltanto inefficace nei confronti dello pseudo rappresentato. Il negozio rappresentativo, infatti, è semplicemente in itinere o in pendenza ed è revocabile per mutuo dissenso prima della ratifica, la quale non ha valore di conferma di un contratto annullabile, ma è solo un negozio diretto a immettere nella sfera giuridica dell’interessato, con effetto retroattivo, il risultato dell’attività compiuta dal rappresentante senza poteri. La ratifica, inoltre, non deve essere espressa sacramentalmente, ma solo in modo in equivoco, sì da dimostrare la volontà del dominus di fare proprio l’atto compiuto in suo nome dal rappresentante senza poteri.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2015 numero 5105 (13/03/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto