Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2012 numero 19115 (06/11/2012)



La presunzione di contitolarità di un conto corrente dà luogo solo all’inversione dell’onere probatorio e può essere superata con presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti dalla parte che deduca una situazione giuridica diversa da quella risultante dalla cointestazione stessa.

È viziata la motivazione della sentenza di merito che, in sede di separazione personale, esclude la superabilità della presunzione di contitolarità del conto corrente bancario cointestato fra i coniugi in regime di separazione dei beni fra coniugi, laddove uno dei due sostenga di averlo alimentato da solo con accrediti di denaro personale, senza esaminare la relativa documentazione bancaria.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2012 numero 19115 (06/11/2012)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto