Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2008 numero 18597 (07/07/2008)


Costituisce ragione idonea a sorreggere la decisione impugnata sul piano logico e giuridico quella secondo cui, nell'ambito del rapporto organico tra la società e un suo amministratore, questi non può essere considerato terzo al fine dell'invocabilità della disciplina dettata dall'art. 2193 c.c. e, avendo accettato l'incarico dopo la delibera assembleare che aveva inserito nello statuto la clausola simul stabunt, simul cadent, sarebbe spettato a lui l'onere della prova di non essere stato a conoscenza dell’esistenza di detta clausola.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2008 numero 18597 (07/07/2008)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto