Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2003 numero 10860 (10/07/2003)


Deve essere cassata, per motivazione insufficiente, la sentenza del giudice del merito che abbia riconosciuto al creditore, imprenditore commerciale, il risarcimento del danno da svalutazione monetaria, ai sensi dell'articolo 1224 Cc, sulla base del costo del denaro in relazione all'interesse praticato dalle banche alla migliore clientela. Una tale motivazione, infatti, non riporta se e quali elementi fossero stati forniti dal danneggiato a fondamento della pretesa e non consente di verificare l'aderenza del criterio prescelto (per la liquidazione del danno) a quegli elementi (eventualmente allegati), né di valutarne l'intrinseca razionalità. Così operando, in realtà, il giudice ha reso la propria pronuncia sulla base del presupposto che la qualità di imprenditore commerciale, propria del creditore, dispensi quest'ultimo dal fornire gli elementi in questione, ponendo così un automatismo nel diritto al risarcimento del maggior danno, che è estraneo alla norma applicata e che contraddice la sua corretta interpretazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2003 numero 10860 (10/07/2003)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto