Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1999 numero 4311 (29/04/1999)


In sede di delibazione di sentenza del Tribunale ecclesiastico dichiarativa della nullità del matrimonio concordatario per esclusione unilaterale di uno di "bona matrimoni" (nella specie, indissolubilità del vincolo) il giudice, pur non potendo procedere al riesame del merito ed al controllo in ordine all' effettiva esistenza della riserva mentale, deve tuttavia accertare la conoscenza o la conoscibilità della suddetta riserva da parte dell' altro coniuge, accertamento estraneo al processo canonico per irrilevanza rispetto a quel diritto e necessario per stabilire la contrarietà o meno della delibanda pronuncia all' ordine pubblico italiano in relazione ai principi di affidamento e buona fede; tale accertamento, benché ancorato ai fatti risultanti in sede ecclesiastica, deve essere condotto con autonomia di giudizio ed adeguatamente motivato, essendo, in mancanza, censurabile in sede di legittimità la relativa statuizione per difetto di motivazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1999 numero 4311 (29/04/1999)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto