Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1998 numero 208 (13/01/1998)


In tema di disciplina dell'espropriazione per pubblico interesse (o utilità), a seguito delle modifiche apportate dalla l. n. 549 del 1995 (art. 1, comma 65), il criterio stabilito dall'art. 5 bis d.l. 11 luglio 1992 n. 333, conv. in l. 8 agosto 1992 n. 359, ha assunto una portata ancor più generale, arrivando a ricomprendere, oltre che gli indennizzi, anche le obbligazioni risarcitorie della p.a. Da ciò consegue, ancora maggiormente, che anche la determinazione dell'indennità di occupazione legittima non possa essere disancorata dal suo naturale parametro di riferimento costituito dall'indennità di esproprio, calcolata in base ai criteri introdotti dall'art. 5 bis cit.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1998 numero 208 (13/01/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto