Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1998 numero 11433 (12/11/1998)


Il contratto di cessione in proprietà di alloggio popolare con pagamento rateale del prezzo, stipulato dal privato con l'I.A.C.P. a norma del D.P.R. n. 2 del 1959 (modificato dalla legge n. 231 del 1962), va inquadrato nel paradigma dell'art. 1523 cod. civ., ossia della vendita con riserva di proprietà, con esclusione dell'applicabilità delle altre disposizioni normative concernenti gli alloggi di tipo popolare ed economico. Ne consegue che l'acquirente non può essere considerato mero "assegnatario" e l'eventuale contratto di locazione da lui stipulato con altri, in relazione al medesimo immobile, non configura una "sublocazione"; sicché, si rivela del tutto abnorme, in quanto emesso in assoluta carenza di potere, l'eventuale decreto con il quale il sindaco (invocando le disposizioni di cui ai D.P.R. n. 1035 del 1972 e 616 del 1977) "revochi" l'assegnazione dell'alloggio perché "sublocato" a terzi.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1998 numero 11433 (12/11/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto