Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1996 numero 5596 (18/06/1996)


Con riguardo ai debiti pecuniari delle Pubbliche Amministrazioni, per i quali le norme sulla contabilità pubblica stabiliscono, in deroga al principio di cui all'art. 1182, comma terzo, cod. civ., che i pagamenti si effettuano presso gli Uffici di Tesoreria dell'Amministrazione debitrice, la natura "querable" della obbligazione rimane ferma sia nel caso in cui l'ente abbia in precedenza effettuato i pagamenti a mezzo vaglia cambiario, giacché in tale comportamento può essere soltanto ravvisata un'agevolazione per il creditore, sia quando la commutazione del mandato di pagamento in vaglia cambiario o in assegno circolare non trasferibile costituisca oggetto di previsione di carattere generale, trattandosi di forme agevolative introdotte a favore dei creditori dell'ente pubblico per attenuare il disagio loro derivante dalla natura "querable" del credito. Ne deriva che il ritardo di pagamento non determina automaticamente gli effetti della costituzione in mora "ex re" ai sensi dell'art. 1219, comma secondo, n. 3 cod. civ., in mancanza della richiesta fatta per iscritto ai sensi dell'art. 1219 cit. comma prim (nella specie era stato escluso che la distinta contabile presentata dal farmacista alla U.S.L. ai sensi dell'Accordo Nazionale Vacanze la disciplina dei rapporti per l'assistenza farmaceutica, fosse idonea a determinare la costituzione in mora "ex re" della P.A.).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1996 numero 5596 (18/06/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto