Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1996 numero 4086 (03/05/1996)


In tema di cosiddetta occupazione appropriativa per la costruzione di un' opera pubblica il "dies a quo" del termine di prescrizione dell' azione risarcitoria va individuato nel momento in cui il bene occupato subisce un' irreversibile trasformazione che ne riveli la destinazione ad opera pubblica, il che si verifica quando l' opera assume di fatto le caratteristiche proprie della categoria dei beni cui appartiene. Nel caso di una strada, essa, per assumere i connotati minimi suoi propri, deve rivelare l' astratta idoneità ad essere percorsa come tale, anche se ancora priva di opere accessorie destinate a renderne l' uso più agevole e sicuro ed a consentirne in concreto l' effettiva apertura al traffico, restando in ogni caso escluso che, ai fini della decorrenza della prescrizione, possa aver rilievo la data del collaudo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1996 numero 4086 (03/05/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto