Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1995 numero 11391 (02/11/1995)


L' art. 1187 cod. civ. - il quale, richiamando l' art. 2963 cod. civ., prevede la proroga dei termini di adempimento delle obbligazioni scadenti in giorno festivo al giorno seguente non festivo - costituisce una norma generale in materia di adempimento delle obbligazioni, applicabile, come tale, anche alle obbligazioni tributarie (nella specie, agli adempimenti previsti dall' art. 7 del D.P.R. n. 602 del 1973 per i versamenti delle ritenute fiscali sull' apposito conto corrente postale intestato all' esattoria), pur in mancanza di un esplicito richiamo o di un' espressa disposizione analoga nelle singole leggi d' imposte (principio affermato in relazione ad ipotesi antecedente all' entrata in vigore del D.L. n. 330 del 1994, convertito nella legge n. 473 del 1994, il quale ha stabilito che "il pagamento di ritenute alla fonte, d' imposte, tasse contributi erariali, regionali e locali, il cui termine scade di sabato o di giorno festivo, è considerato tempestivo se effettuato il primo giorno lavorativo successivo").

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1995 numero 11391 (02/11/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto