Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1992 numero 5493 (08/05/1992)


In materia di responsabilità civile del giudice e nel regime anteriore alla l. 13 aprile 1988 n. 117, le limitazioni della responsabilità stessa alle ipotesi di dolo si estendevano altresì alla responsabilità dello Stato - come confermato da tale legge, che, avendo innovativamente ampliato la responsabilità del giudice fino a ricomprendervi anche la colpa grave, ha appunto previsto il correlativo ampliamento anche di quella dello Stato - e trovavano applicazione in relazione alla pronunzia del provvedimento di iscrizione di ipoteca legale reso in attuazione di norme del codice del rito penale, ma con erronea individuazione del proprietario dell'immobile colpito da siffatta misura, e conseguenti a comportamenti perfezionatisi anteriormente all'entrata in vigore della medesima legge n. 117 del 1988 e quindi ad essa non soggetti, per l'assenza della sua retroattività, ancorché successivamente giudicati.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1992 numero 5493 (08/05/1992)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto