Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1990 numero 6499 (26/06/1990)


Poiché alla così detta assicurazione (o cauzione fidejussoria o assicurazione cauzionale) che è una figura contrattuale intermedia tra il versamento cauzionale e la fidejussione, restano applicabili le norme contenenti la disciplina tipica della fidejussione solo se non derogate dalle parti, ove queste abbiano previsto la possibilità, per il creditore garantito, di esigere dal garante il pagamento immediato del credito "a semplice richiesta", siffatta clausola, risultando incompatibile con detta disciplina comporta l'applicabilità di quella di deposito cauzionale, con la conseguente esclusione, in particolare, della invocabilità di tipiche eccezioni fidejussorie (nella specie, quelle fondate sugli artt.1956 e 1957 cod.civ.), fermo restando, peraltro, che l'autonomia del contratto di garanzia, rispetto al negozio principale, essendo non assoluta, ma relativa, rende possibile, in caso di pagamento che risulti poi non dovuto, addivenire al riequilibrio delle diverse posizioni contrattuali attraverso il sistema delle rivalse, come avviene allorché il creditore indebitamente incameri la cauzione versata.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1990 numero 6499 (26/06/1990)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto