Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1989 numero 4701 (08/11/1989)


Al fine di verificarsi della cosiddetta occupazione appropriativa od accessione invertita, in favore dell' ente che abbia illegittimamente occupato e destinato il fondo altrui alla realizzazione di opera pubblica, con la conseguenziale estinzione della proprietà del privato ed insorgenza del diritto del medesimo di chiedere il risarcimento del danno, non è sufficiente che detto fondo abbia comunque subito una manipolazione, o venga di fatto impiegato nel soddisfacimento di interessi generali, ma occorre che proprio l' opera effettivamente programmata, e dichiarata di pubblica utilità, pure se non ultimata, sia fisicamente emersa con le caratteristiche previste, sì da evidenziare la incompatibilità con essa dell' autonoma sopravvivenza del suolo inglobato.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1989 numero 4701 (08/11/1989)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto