Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1988 numero 6332 (25/11/1988)


La clausola del contratto di appalto di opera pubblica (nella specie, l' art. 41 del capitolato generale amministrativo di appalto delle opere che si eseguono dall' azienda autonoma delle Ferrovie dello Stato - approvato dal Consiglio di amministrazione il 9 aprile 1909), che fissi il termine di cinque giorni, entro il quale, a pena di decadenza, l' appaltatore deve formulare le proprie riserve, non è affetta da nullità ai sensi dell' art. 2965 cod. civ., perché detto termine è sufficiente a presentare la domanda, una volta constatata l' attitudine della situazione di fatto ad alterare l' equilibrio contrattuale.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1988 numero 6332 (25/11/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto