Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1987 numero 5621 (26/06/1987)


Le clausole di polizza, che delimitino il rischio assicurato, ove inserite in condizioni generali su modulo predisposto dallo assicuratore, sono soggette al criterio ermeneutico posto dall' art.. 1370 cod. civ., e, pertanto, nel dubbio, devono essere intese in senso sfavorevole all' assicuratore medesimo. (Nella specie, con riguardo ad un contratto di assicurazione dai rischi di malattia ed infortunio, il quale prevedeva anche il rimborso delle spese da interventi chirurgici ambulatoriali, ma escludeva dalla copertura le cure dentarie e paradentarie, i giudici del merito avevano negato l' indennizzabilità di operazioni di chirurgia paradentale e gengivale, resesi necessarie in conseguenza di infortunio. La suprema corte ha cassato detta statuizione, per inadeguatezza dell' indagine sulla volontà dei contraenti, secondo le regole fissate dagli artt. 1362 e segg. cod. civ., e, in particolare, per la violazione del principio sopra riportato).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1987 numero 5621 (26/06/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto