Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1987 numero 2312 (05/03/1987)


In caso di inadempimento di obbligazione pecuniaria il danno da svalutazione non si identifica con il fenomeno inflattivo, ma deve essere accertato in concreto. Incombe pertanto al creditore dimostrare, valendosi di presunzioni e di dati notori, acquisiti dalla comune esperienza e riferiti a categorie economiche socialmente significative di creditori, che il pagamento tempestivo lo avrebbe messo in grado di limitare od evitare gli effetti economici depauperatori che l' inflazione produce per tutti i possessori di denaro (nella fattispecie la corte ha ritenuto provata l' entità del danno subito da una banca, per la mora debendi, adottando il criterio del normale impiego del denaro secondo i "tassi attivi" interbancari, e sulla base delle attestazioni relative, contenute nel bollettino della banca d' Italia e nel conto interbancario per le condizioni "tassi attivi" dell' associazione bancaria italiana).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1987 numero 2312 (05/03/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto