Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1987 numero 133 (13/01/1987)


Qualora l' assemblea di una società per azioni, verificatasi l' integrale perdita del capitale, ne stabilisca l' azzeramento, con annullamento delle azioni in circolazione ed estinzione delle riserve, e la contestuale ricostituzione, escludendo altresì, per le azioni di nuova emissione, il diritto d' opzione dei soci, la relativa decisione non può ritenersi inscindibile e così interamente nulla per illiceità dell' oggetto, sotto il profilo che essa si tradurrebbe in una soppressione od espropriazione dello "status" dei soci, atteso che la deliberazione attinente all' annullamento ed al ripristino del capitale sociale, integrando un atto necessitato per evitare lo scioglimento della società e tutelare gli interessi dei terzi (artt. 2327, 2447 e 2448 cod. civ.), deve essere autonomamente considerata, e quindi riconosciuta valida in presenza delle prescritte maggioranze, mentre la contestuale ma distinta deliberazione negativa o limitativa del diritto d' opzione in mancanza dei requisiti fissati dall' art.. 2441 quinto comma cod. civ., ivi inclusa la ricorrenza di un interesse della società che la giustifichi, nonché l' approvazione con la maggioranza fissata dalla norma medesima o dall' atto costitutivo va ritenuta giuridicamente inesistente.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1987 numero 133 (13/01/1987)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto