Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1986 numero 1765 (15/03/1986)


La convenzione di new york del 10 giugno 1958, sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze arbitrali straniere, resa esecutiva in Italia con legge 19 gennaio 1968 n. 62, pone in essere una disciplina di diritto uniforme e, pertanto - al fine di stabilire la validità ed operatività di una clausola compromissoria per arbitrato estero, in un rapporto contrattuale in cui sia parte un cittadino o un ente italiano - occorre fare esclusivo riferimento all'art. 2 della convenzione medesima, che, con riguardo alla forma di detta clausola, considera sufficiente il suo inserimento in un accordo sottoscritto dalle parti o in uno scambio di lettere o telegrammi, a nulla rilevando che l'ordinamento del luogo dove il contratto è concluso (nella specie, l'Italia) contenga disposizioni di maggior rigore formale (art. 1341 cod.civ., che postula la specifica approvazione per iscritto della clausola in questione).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1986 numero 1765 (15/03/1986)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto