Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1985 numero 5228 (24/10/1985)


La garanzia assunta da un'impresa assicuratrice nei confronti dell'amministrazione finanziaria per il versamento di diritti doganali, mediante cosiddetta polizza fideiussoria o cauzionale, emessa in sostituzione di cauzione reale ed implicante l'obbligo incondizionato dell'assicuratrice medesima di pagare a richiesta di detta creditrice, esula dallo schema del negozio assicurativo, ancorché ne abbia la veste formale. Da ciò deriva che il corrispettivo dovuto per l'attivazione di detta garanzia non è qualificabile come premio assicurativo in senso proprio, al quale esclusivamente si riferisce la prescrizione breve contemplata dall'art.. 2952 cod. civ., con l'ulteriore conseguenza che a tale corrispettivo, indipendentemente dalla classificazione del negozio che ne costituisce la fonte fra i contratti di fideiussione, fra quelli atipici o fra quelli misti, deve applicarsi la prescrizione ordinaria decennale di cui all'art.. 2946 cod. civ., operante per tutte le obbligazioni per le quali la legge non prevede un termine diverso.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1985 numero 5228 (24/10/1985)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto