Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1980 numero 777 (04/02/1980)


L'art. 2263, II comma, c.c. nello stabilire che la parte spettante al socio, che ha conferito la propria opera, nella ripartizione dei guadagni e delle perdite, è fissata dal giudice secondo equità, fa salva la possibilità di una diversa determinazione convenzionale, sicchè del tutto validamente in una società di fatto viene pattiziamente riconosciuto al socio che conferisce soltanto il proprio lavoro, parità di diritti nella ripartizione dei guadagni e delle perdite e ciò, quindi, anche all'atto dello scioglimento della società, nella ripartizione dell'attivo

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1980 numero 777 (04/02/1980)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto