Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1980 numero 5790 (28/10/1980)


Il diritto di recesso del socio, che l' art. 2437 cod. civ., dettato per le società per azioni ed applicabile anche alle società cooperative, prevede per il caso di deliberazioni riguardanti il cambiamento dell' oggetto o del tipo della società, ovvero il trasferimento della sede sociale all' estero, integra un' eccezione al principio generale della obbligatorietà, per tutti i soci, delle deliberazioni assembleari prese in conformità della legge e dello atto costitutivo, e, pertanto, non è suscettibile di estensione ad ipotesi diverse da quelle espressamente contemplate.La delibera dell' assemblea di una società, la quale a maggioranza e non all' unanimità, e, quindi, in violazione dell' art. 2345 terzo comma cod. civ., modifichi le prestazioni accessorie previste dallo atto costitutivo a carico dei soci, è affetta non da giuridica inesistenza, ma da invalidità, deducibile nei modi e nei limiti di cui all' art. 2377 cod. civ.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1980 numero 5790 (28/10/1980)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto