Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1977 numero 4966 (15/11/1977)


L'art. 2322 secondo comma cod. civ. ove prevede l'inefficacia, nei confronti della società in accomandita semplice, del trasferimento della quota di partecipazione del socio accomandante, in difetto di consenso degli altri soci, mira esclusivamente a tutelare l'interesse della società medesima, senza incidere sulla validità ed operatività del trasferimento nei confronti delle parti contraenti. Ne consegue che il socio accomandante, che abbia ceduto parte della propria quota ad un terzo, non può invocare la mancanza di quel consenso al fine di sostenere, in sede di liquidazione della società, che il liquidatore dovrebbe opporsi a pretese avanzate dal predetto terzo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1977 numero 4966 (15/11/1977)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto