Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1977 numero 1779 (09/05/1977)


Al fine dell' annullabilità del contratto di assicurazione per dolo del contraente, ai sensi dell' art. 1892 Cod. civ., non si richiedono veri e propri artifici o raggiri, essendo sufficiente la coscienza e volontà di dire il falso o di tacere il vero, nel contesto di una dichiarazione che, in quanto idonea ad alterare la postulata coincidenza fra il rischio rappresentato e quello reale, impedisca all' assicuratore di identificare la vera entità del rischio assicurato, traendolo così in errore su un presupposto essenziale del consenso. (Nella specie, premesso il principio di cui sopra, la suprema corte ha ritenuto correttamente affermata dai giudici del merito la annullabilità di un contratto di assicurazione sulla vita di persona le cui infermità patologiche erano state occultate con false dichiarazioni e reticenze).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1977 numero 1779 (09/05/1977)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto