Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1976 numero 848 (11/03/1976)


Il negozio con il quale il debitore - autorizzato dal creditore al soddisfo rateale del debito, in corrispondenza di analoghi pagamenti rateali a lui dovuti da una banca - conferisce a quest' ultima l' incarico di versare le somme spettantegli direttamente al proprio creditore, configura, ove la banca accetti l' incarico, senza assumere alcun impegno nei confronti od in favore del creditore, un mandato nell' interesse del creditore, indicato quale adiectus solutionis causa (art. 1188 Cod. civ.), in base al quale la banca, pagando il creditore del proprio mandante, soddisfa il suo debito verso il secondo, e non il debito del secondo verso il primo, ed in forza del quale nessun diritto nei confronti della banca scaturisce in favore del creditore.Detto negozio, infatti, non concretizza una delegazione di debito, difettando il requisito dell' assunzione da parte del delegato dell' obbligazione del delegante nei confronti del delegatario, ne una delegazione di pagamento, difettando il requisito della sostituzione del delegato al delegante nell' adempimento del debito di quest' ultimo verso il delegatario, ne, infine, un contratto di mandato in favore di terzo, difettando il requisito dell' attribuzione convenzionale al terzo di un diritto da far valere nei confronti del mandatario.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1976 numero 848 (11/03/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto