Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1976 numero 354 (03/02/1976)


Nella società di persone, la facoltà di escludere il socio interdetto, prevista dall'art. 2286 primo comma cod. civ., sussiste fintantoché perduri lo stato di interdizione, e, quindi, a prescindere dal tempo trascorso dalla pronuncia dell'interdizione medesima. (Nella specie, enunciando il principio di cui sopra, la suprema corte ha ritenuto correttamente escluso dai giudici del merito il verificarsi di prescrizione estintiva della suddetta facoltà, per il decorso di oltre dieci anni dalla data di dichiarazione della interdizione).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1976 numero 354 (03/02/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto