Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1976 numero 2553 (08/07/1976)


Presupposto necessario per l'inabilitazione e l'interdizione di un infermo di mente non è l'esistenza di una tipica malattia mentale, con caratteristiche patologiche ben definite, bensì la presenza di un'alterazione delle facoltà mentali, tale da dar luogo ad una incapacità parziale o totale di provvedere ai propri interessi. L'accertamento, in concreto, dell'esistenza e della misura della suddetta alterazione è riservato al giudice del merito, il quale deve aver riguardo non solo agli affari di indole patrimoniale, ma anche a tutti gli atti della vita civile, nelle sue espressioni giuridicamente rilevanti (cura della persona, adempimento di doveri familiari e pubblici, ecc.).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1976 numero 2553 (08/07/1976)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto