Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1974 numero 1278 (07/05/1974)


Qualora, a seguito della morte del socio prevista dall' art. 2284 cod. civ., venga meno anche (come necessariamente accade nella società di due persone) la "pluralità" dei soci,il socio superstite non ha il potere di sciogliere unilateralmente la società (e conseguentemente quello di nominare il liquidatore) dal momento che l' evento del decesso ha gia posto in moto ope legis la fattispecie complessa estintiva della società, destinata a completarsi ed esaurirsi con l' inutile decorso del termine di sei mesi stabilito dall' art. 2272, n. 4, cod. civ.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1974 numero 1278 (07/05/1974)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto