Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 1968 numero 2224 (03/07/1968)


Non avendo la legge stabilito delle specifiche limitazioni, le società hanno capacità giuridica e capacità di agire generale, talché la determinazione dell'oggetto sociale nell'atto costitutivo non comporta alcuna limitazione alla capacità delle società stesse queste, pertanto, rimangono capaci anche se trascendono e perfino se tradiscono il loro scopo. Quando il contenuto di un atto non racchiude in sé l'indicazione dello scopo che è diretto a conseguire, talché esso può essere stato compiuto per raggiungere scopi diversi, per stabilire se tale atto possa farsi rientrare nell'oggetto di una società occorre accertare a quale finalità esso è diretto giacché soltanto mediante una concreta valutazione può determinarsi se un contratto rientri nei poteri di ordinaria o straordinaria amministrazione conferiti dall'atto costitutivo allo amministratore di una società in nome collettivo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 1968 numero 2224 (03/07/1968)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto