Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Azione di riduzione per lesione della legittima (divisione effettuata dal testatore)



Ai sensi del II comma dell'art. 735 cod.civ. il coerede che è stato non già preterito (ipotesi di cui al I comma della norma in esame) bensì semplicemente leso nella porzione legittima ha la possibilità di esercitare l'azione di riduzione contro gli altri coeredi nota1.

Non si tratta se non di una precisazione di quanto già previsto in via generale dall'art. 554 cod.civ. nota2.

Si pensi al caso in cui il testatore ha istituito erede il legittimario, tuttavia apporzionandolo con cespiti di valore inferiore alla quota di riserva. E' chiaro che non si ha la preterizione che condurrebbe, ai sensi del I comma dell'art. 735 cod.civ. addirittura alla nullità della divisione, bensì semplicemente una lesione quantitativa dei diritti del legittimario a sanare la quale è sufficiente il rimedio generale costituito dall'azione di riduzione.

In esito all'esperimento del rimedio predetto, la distribuzione dei beni dell'asse viene corretta dal punto di vista quantitativo nota3, apporzionando il legittimario leso con beni idonei a raggiungere il valore della porzione che la legge gli riserva. Conseguentemente gli altri beneficiari riceveranno beni ereditari in misura inferiore rispetto a quanto indicato dal testatore in sede di divisione nota4. Si tratta in definitiva di una modificazione delle attribuzioni divisionali operate dal testatore.

La legge invero prevederebbe anche l'ulteriore rimedio dell'azione di rescissione oltre il quarto (art. 763 cod.civ. ). Tuttavia essa riguarda unicamente le lesioni la cui misura non sia inferiore al quarto del valore della quota spettante all'istituito; l'azione in esame invece offre una tutela che prescinde da una particolare qualificazione della misura della divergenza tra il valore dei beni assegnati e quello della porzione legittima nota5.

Si ponga il caso di Primo che lascia la moglie ed il figlio, ammontando a 120 il valore dell'asse ereditario. Primo dispone a favore della moglie per 85 e per 35 a favore del figlio, il quale tuttavia vanta una quota di riserva pari ad un terzo dell'asse, vale a dire a 40 (cfr. art. 542 cod.civ. ).

Pur rimanendo valida l'istituzione testamentaria, il figlio ha la possibilità di agire in riduzione per ottenere 5 dalla madre allo scopo di reintegrare la propria porzione legittima.

Note

nota1

Cfr. Azzariti, In tema di azione di riduzione ad integrandam legitimam, in Riv. dir. civ., I, 1963, p.336; Delucchi, In tema di azione di riduzione ad "integrandam legitimam", in Foro it., vol. IV, 1949, pp.149 e ss..
top1

nota2

V.Amadio, La divisione del testatore, in Successioni e donazioni, a cura di Rescigno, vol. II, Padova, 1994, p.98.
top2

nota3

nota3

Tra gli altri, si veda, Padovini, in Comm. cod. civ., diretto da Cendon, vol. II, Torino, 1997, p.388.
top3

nota4

Così Burdese, La divisione ereditaria, in Tratt.dir.civ.it., diretto da Vassalli, Torino, 1980, p.266, il quale precisa che la valutazione dei beni deve dapprima farsi al momento dell'apertura della successione, per determinare l'entità della lesione, e successivamente al fine della riduzione .
top4

nota5

Cfr. Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1982, p.771.
top5

Bibliografia

  • AMADIO, La divisione del testatore, Padova, Successioni e donazioni a cura di Rescigno, vol. II, 1994
  • AZZARITI, In tema di azione di riduzione ad integrandum legitimam, Riv. dir. civ., vol. I, 1963
  • BURDESE, La divisione ereditaria, Torino, vol. XX, 1980
  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982
  • DELUCCHI, In tema di azione di riduzione ed integrandam legitimam, Foro it., IV, 1949
  • PADOVINI, Torino, Comm.cod.civ. dir. da Cendon, II, 1997

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Azione di riduzione per lesione della legittima (divisione effettuata dal testatore)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Azione di riduzione per lesione della legittima (divisione effettuata dal testatore)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto